Scheda editoriale
Numero pagine: 246
Formato chiuso: cm 15x21
Finitura: Brossura

Prezzo: Euro 19,00
Codice ISBN: 978-88-31933-01-8
Guarda i nostri distributori

La scena del perturbante

L'inquietudine fantastica nelle arti dello spettacolo

a cura di Monica Cristini e Nicola Pasqualicchio

A partire dall’inizio dell’Ottocento, le creazioni più interessanti e coinvolgenti nell’ambito della letteratura fantastica non sembrano essere state quelle che hanno utilizzato il fantastico come strumento di evasione dalla dimensione reale verso un mondo radicalmente altro, quanto quelle che proprio della realtà di ogni giorno, dei suoi aspetti più familiari e apparentemente rassicuranti, hanno svelato il volto oscuro e minaccioso, minando l’identità e modificando i contorni di ciò che meglio ci era parso di conoscere e controllare: insomma le opere ispirate da quel sentimento del perturbante di cui Freud aveva esemplarmente individuato le manifestazioni nella vita quotidiana come nella letteratura.
L’intento di questo volume è di mostrare come la presenza del perturbante abbia giocato un ruolo ugualmente decisivo nelle arti dello spettacolo, non solo nel teatro e nel cinema, ma anche nella danza, nell’opera lirica, nonché in forme di spettacolarità “minore” o laterale, quali le marionette, la pantomima, i freak shows; e di sottolineare come l’importanza della dimensione visiva e di quella corporea faccia dei linguaggi dello spettacolo un ambiente estetico particolarmente adatto e fecondo per la genesi di questa modalità inquietante del  fantastico.

SOMMARIO

Enrico Comparotto: La maschera deforme. Spettacolarizzazione del mostro nei freak shows
Monica Cristini: Sulle tracce del fantastico nel teatro di ricerca: le scene oniriche di Opera
Cinzia Toscano: Oltre il perturbante: Sayonara di Hirata Oriza e Ishiguro Hiroshi
Bianca De Mario: La voce del perturbante. Spazio e sonorità in tre Giri di vite
Nicola Pasqualicchio: La forma del Male. Su alcune messe in scena di The Turn of the Screw
Paola Palma: L’intermedialità al servizio della paura: Figures de cire, 1905-1934
Dimitri Vezyroglou: Un omaggio cinefilo? Tra letteratura e teatro:il paradosso de Il carretto fantasma (1939) di Julien Duvivier
Diego Saglia: Dis-incarnazioni: presenze del vampiro sulle scene britanniche dell’Ottocento
Matteo De Beni: Le Vampire di Scribe e Mélesville nella Spagna dell’Ottocento. Ttraduzione e adattamento culturale
Elena Vitali: Il personaggio diabolico nel balletto fantastico italiano dell’Ottocento
Elena Randi: Petruška di Stravinskij, Fokine, Benois. Fra armonia e disarmonia

Twitter Facebook Google plus Pinterest