Tutti e quattro

Numero pagine: 356

Formato chiuso: cm 15x21 cm

Finitura: Brossura

Prezzo: euro 15,00 Euro

Codice ISBN: 978-8831933-43-8

Guarda i nostri distributori

Capita, nel corso di una vita, che alcuni argomenti e decisioni rimangano latenti per decenni. Poi, tale materia riemerge imperiosamente e richiede improrogantemente di essere portata a compimento. È stato questo il caso dell’epistolario di famiglia, una mole colossale di posta, che per una stravagante abitudine centenaria, fu mantenuta e conservata nel tempo dalla famiglia Cardini. A nessuno di questi predecessori balenò mai l’alternativa di potersi sbarazzare di tali polverosi cimeli, che così, tramite passaggi a volte casuali, spesso avventurosi, giunsero al sottoscritto. Non so bene se e quanto incoraggiato dalla nuova disponibilità di tempo generata dal pensionamento, animato da curiosità cresciuta dalla lettura di alcune di queste lettere, ho cominciato a trascriverle a PC, per renderle più fruibili e collegabili tra loro, finalizzandone finalmente con questo l’esistenza. Essendo impossibile considerare tutte le migliaia di scritti che compongono la collezione, ho deciso di focalizzare il lavoro sul periodo della seconda guerra mondiale: più precisamente le lettere tra il 1942-1945, un periodo piuttosto drammatico e movimentato per la famiglia e per il mondo intero. La raccolta, il riordino ed il collegamento dei vari frammenti furono piuttosto ardui, non sempre fu possibile chiarirne fatti e personaggi. Ho affidato la narrazione direttamente agli scritti originali, astenendomi per quanto possibile dall’intervenire, resistendo alla tentazione di personali interpretazioni e spiegazioni ai fatti. In particolare sono fedelmente mantenute frasi e parole del lessico famigliare, anche lasciando qualche errore grammaticale e sintattico, per rispettare gli scritti originali. Questo lavoro è in primo luogo destinato ad un pubblico di parenti ed amici: in costoro la componente affettiva ed emotiva, può più facilmente risvegliarne l’interesse. Se poi questo epistolario dovesse essere preso in considerazione da lettori estranei, un motivo d’interesse potrebbe nascere dal conoscere le vicende di alcune persone in quel periodo confuso e drammaticamente vissuto, pur con qualche comico momento a stemperare la narrazione degli avvenimenti. Lascio quindi il passo al resoconto dei fatti contenuto nella posta di famiglia e qui mi fermo, incerto ancora se riprendere o meno il racconto in futuro.